lunedì 07 Ottobre 2019 Ambiente Sostenibilità

Giuliano Di Bernardo firma la CEOs Call to Action per lo sviluppo sostenibile

Il presidente e AD di Rekeep ha aderito all’iniziativa di CSR Europe che vede i top manager europei impegnati in prima persona per concretizzare, il più velocemente possibile, gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Un “New Deal” europeo: questo è l’obbiettivo del manifesto già sottoscritto dai vertici di decine di aziende in tutta Europa per unire le forze in nome di un bene comune. CEOs Call to Action è un’iniziativa promossa da CSR Europe e dalla Commissione Europea, rilanciata in Italia dalla Fondazione Sodalitas, e coinvolge i vertici delle aziende che pongono la sostenibilità al baricentro del proprio agire. Rekeep, in continuità con quelli che sono i suoi stessi obbiettivi, ha aderito con la firma del suo presidente e amministratore delegato, Giuliano Di Bernardo.

Di fronte alle grandi sfide del presente, le imprese hanno il dovere di immaginare nuovi modelli di business capaci di dare risposte tempestive e concrete. Cambiamento climatico, minacce alla biodiversità, impoverimento e invecchiamento della popolazione, antibiotico-resistenza: sono problematiche che richiedono un impegno immediato ed efficace di tutti, a ogni livello. Per accelerare il processo di cambiamento e far sì che gli obbiettivi dell’Agenda 2030 siano pienamente raggiunti bisogna promuovere la legalità e la cooperazione tra imprese, governi e società civile.

Sottoscrivendo questo manifesto, Di Bernardo è entrato in un network di CEO che lavoreranno per una crescita inclusiva e sostenibile, e promuoveranno iniziative che siano di stimolo alle istituzioni, anche con il coinvolgimento delle associazioni di categoria.

Lo scopo è creare un’Alleanza per un’industria europea sostenibile, che si concretizzerà in azioni di vasta portata, e quantificabili, in grado di arginare le grandi emergenze creando prospettive di lavoro e benessere per le generazioni future. L’industria europea di domani dovrà basarsi sull’economia circolare e ridurre l’impatto ambientale con una più efficiente gestione delle risorse, l’utilizzo di energia a basse emissioni e di materie prime sostenibili. Rekeep continuerà a fare la sua parte.

Condividi