Facility Management Urbano: un futuro più “smart” per le nostre città

Facility Management Urbano

Un futuro più “smart” per le nostre città

Dal World Urbanization Prospects 2018 pubblicato dal Dipartimento per gli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite emerge un dato incontrovertibile: due terzi della popolazione mondiale, che nel 2050 raggiungerà quota 10 miliardi, si concentrerà nei centri urbani. Le città rappresenteranno sempre di più un traino economico globale: entro il 2025 il 65% del prodotto interno lordo mondiale sarà generato nei grandi agglomerati urbani del pianeta. Una crescita vertiginosa che impone un ripensamento radicale della gestione dei servizi, tale che ogni intervento risponda ad esigenze di tempestività, efficacia, sicurezza e coordinamento generale. Non un’utopia ma la necessità di confutare il paradigma secondo il quale il governo delle città sia destinato ineluttabilmente all’inefficienza.

Essere “smart” per restituire libertà ai cittadini


Nelle nostre città siamo oramai abituati a pensare che la vivibilità sia un privilegio riservato a pochi mentre occorre recuperare la consapevolezza che si tratti di un diritto per tutti. Smart vuol dire ingegnoso/intelligente, e Rekeep sostiene da tempo il bisogno di procedere concretamente verso un modello di città efficiente dove funzionalità, decoro, modernità e sostenibilità procedano di pari passoe dove non succeda più, ad esempio, che gli scavi per l’installazione dei sotto-servizi, e i conseguenti rifacimento dell’asfalto di una strada, avvengano senza un vero coordinamento con spreco di risorse e disagi raddoppiati per i cittadini.


Le metropoli devono recuperare una dimensione umana, luoghi dove sia piacevole vivere, dove sia possibile sentirsi al sicuro, spostarsi agevolmente, luoghi di innovazione, ad alto valore tecnologico e informativo.

Le metropoli devono recuperare una dimensione umana, luoghi dove sia piacevole vivere, dove sia possibile sentirsi al sicuro, spostarsi agevolmente, luoghi di innovazione, ad alto valore tecnologico e informativo. Un disegno “rivoluzionario” e civico, nel senso più elevato ed esteso del termine, che Rekeep ha elaborato partendo dall’analisi delle priorità e, parallelamente, dalle prassi amministrative, così da raggiungere un equilibro perfetto tra gestione dei servizi, monitoraggio costante delle esigenze reali e quotidiane dei cittadini e coordinamento con i centri decisionali. Da qui nasce il modello del Facility Management Urbano che rappresenta uno dei driver di sviluppo per migliorare la fruibilità degli spazi urbani, attraverso la valorizzazione delle loro potenzialità e un utilizzo più efficiente delle risorse.

Una storia di tradizione e di avanzamento tecnologico


La proposta di Facility Management Urbano elaborata da Rekeep scaturisce da una articolata e pluriennale attività di ricerca. La profonda esperienza nell’erogazione di servizi rivolti alla collettività, un osservatorio costante sull’evoluzione dei contesti urbani e il ricorso a tecnologie d’avanguardia, supportate dall’avvento del digitale, hanno consentito al Gruppo di definire una metodologia e degli strumenti che hanno come obiettivo il miglioramento dei servizi e dei processi, sia in termini di efficienza che di qualità. Un aspetto qualificante di questa strategia riguarda lo stretto coordinamento tra l’azienda e la Pubblica Amministrazione affinché ogni intervento sia pianificato e commisurato alle reali esigenze della cittadinanza, in base alle caratteristiche territoriali e urbanistiche del perimetro metropolitano entro il quale si colloca l’azione di Rekeep. Lo spazio urbano si trasforma così in un ambiente “intelligente” nel senso che entra in empatia con coloro che lo vivono quotidianamente, e dove ogni cambiamento è finalizzato a migliorarne la funzionalità e l’operatività.

Le quattro direttrici del cambiamento


1

Favorire le sinergie con tutti gli attori che agiscono sulla città per migliorare la pianificazione a medio-lungo termine ed erogare servizi integrati, riducendo gli sprechi e i disagi per i cittadini, in un'ottica di responsabilità condivisa

2

Utilizzare i Big Data raccolti dalla Smart City concretamente elaborando informazioni fruibili a supporto dell'Amministrazione permettendo la lettura in tempo reale della città e migliorando la reattività degli interventi

3

Colmare il disallineamento informativo tra Amministrazione e i cittadini: la percezione di "finti problemi" può essere superata rendendo l'Amministrazione in grado di informare puntualmente la cittadinanza e stimolando le persone a restare aggiornate su strategie ed iniziative in corso

4

Valorizzare il contributo dei cittadini coinvolgendoli in attività di segnalazione e "controllo leggero" attraverso l'utilizzo di strumenti semplici e intuitivi e premiandone le azioni positive.

Facility Management Urbano

I nostri servizi per la gestione integrata della città


1

Monitoraggio del sistema stradale

2

Manutenzione pavimentazione e segnaletica

3

Interventi di miglioramento di marciapiedi, piste ciclabili e attraversamenti pedonali

4

Servizi Invernali

5

Fornitura strumenti di segnalazione per il cittadino e sistemi di video-sorveglianza

6

Prevenzione Allagamenti

7

Gestione sinistri

8

Manutenzione del verde pubblico

9

Gestione degli spazi pubblicitari

10

Supporto alla gestione del traffico

11

Manutenzione illuminazione pubblica, semafori e video-sorveglianza

12

Riprogettazione degli spazi di accesso agli immobili pubblici

13

Gestione eventi

14

Servizio riscossione sanzioni e tributi

Un sistema ad alto gradiente di connettività


Ogni strategia “smart” che si rispetti attinge forza e efficienza da un centro di coordinamento supportato da un’infrastruttura tecnologica e digitale al passo con i tempi, che convogli, rielabori e ridistribuisca informazioni in tempo reale affinché servizi e interventi avvengano con tempestività, in maniera mirata e in regime di costante controllo. Il modello di Facility Management Urbano di Rekeep prevede per questo lo sviluppo di una piattaforma digitale che integrerà i dati provenienti da Rekeep e da fonti terze, come possono essere le aziende di gestione delle principali utility, elaborandoli attraverso algoritmi di Intelligenza Artificiale così da renderli direttamente disponibili alle Pubbliche Amministrazioni. Attraverso interfacce web di immediata consultazione, gli amministratori della Città saranno in grado di consultare in tempo reale, tra l’altro:

Facility Management Urbano - Piattaforma digitale

Un rapporto contrattuale chiaro e trasparente



La soluzione proposta da Rekeep consente all’Amministrazione cittadina di poter contare su una pianificazione chiara ed efficace, in una prospettiva di medio-lungo termine, incidendo sulla riduzione degli sprechi e incrementando il livello di coordinamento e collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti nella gestione del patrimonio urbano

Il Facility Management Urbano di Rekeep si basa sulla formula contrattuale della concessione (PPP, Partenariato Pubblico-Privato) attraverso la quale la Pubblica Amministrazione non solo può garantirsi un insieme di servizi (gestione strade, verde, illuminazione, eventi etc.) erogati in maniera integrata e da un unico interlocutore, ma anche una serie di consistenti investimenti, a carico dell’azienda partner, sia sul versante dell’innovazione tecnologica e digitale che della riqualificazione delle infrastrutture, trasferendo all’azienda tutti i rischi in termini operativi, di costruzione e di disponibilità del bene gestito. In questo modo il partner privato è incoraggiato ad investire negli interventi di efficientamento necessari per garantire, insieme alle attività affidategli, anche il proprio ritorno economico. In generale, la soluzione proposta da Rekeep consente all’Amministrazione cittadina di poter contare su una pianificazione chiara ed efficace, in una prospettiva di medio-lungo termine, incidendo sulla riduzione degli sprechi e incrementando il livello di coordinamento e collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti nella gestione del patrimonio urbano.

Facility Management Urbano

Città Facility Management Urbano Partenariato Pubblico-Privato Smart city Spazio urbano

Condividi