lunedì 27 Marzo 2017 Bilancio Risultati economici

MFM, il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio d’Esercizio e il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2016

Decisa crescita dell'Utile (pari a 33,5 milioni di euro) e significativa riduzione dell'Indebitamento Finanziario Netto.

Decisa crescita dell'Utile e significativa riduzione dell'Indebitamento Finanziario Netto nell'esercizio 2016 (vs. esercizio 2015):

  • Ricavi: 929,1 milioni di euro (rispetto a 955,7 milioni di euro);
  • EBITDA: 95,9 milioni di euro (rispetto a 93,1 milioni di euro);
  • EBIT: 73,3 milioni di euro (rispetto a 9,0 milioni di euro);
  • Utile Netto: 33,5 milioni di euro (rispetto a un risultato netto negativo per 45,4 milioni di euro);
  • Indebitamento Finanziario Netto: 194 milioni di euro (in miglioramento rispetto a 242 milioni di euro).

Si ricorda che i risultati consolidati 2015 risentivano, in particolar modo, dell'accantonamento per rischi, per un importo pari a 48,5 milioni di euro, effettuato a seguito del provvedimento sanzionatorio dell'AGCM. Al netto degli effetti del parziale rilascio dell'importo accantonato l'Utile Netto nel 2016 sarebbe comunque pari a 17,2 milioni di euro.

 

Il Consiglio di Amministrazione di Manutencoop Facility Management S.p.A. ("MFM"), riunitosi sotto la Presidenza di Marco Canale, ha esaminato ed approvato il Progetto di Bilancio d'Esercio ed il Bilancio Consolidato 2016, che chiude con un deciso incremento dell'Utile Netto.

"I risultati 2016 fotografano una realtà solida, che registra un deciso incremento dell'Utile Netto che ci consente di proseguire nel processo di generazione di cassa" ha commentato Aldo Chiarini, Amministratore Delegato di Manutencoop Facility Management - "Il nostro obiettivo sarà, quindi, continuare a valorizzare ulteriormente il percorso di crescita intrapreso, sviluppando nuove iniziative di business in grado di garantire un'ulteriore fase di sviluppo per il Gruppo anche nel corso dei prossimi anni."

I risultati 2016 risentono, in particolare per quanto riguarda EBIT e Utile Netto, dell'effetto del parziale rilascio, pari a 16,3 milioni di euro, dell'importo accantonato nel 2015 in un apposito fondo rischi a seguito della sentenza, confermata dal Consiglio di Stato lo scorso 1 marzo 2017, con cui il Tribunale Amministrativo Regionale ("TAR") del Lazio il 14 ottobre 2016 ha disposto la riduzione della sanzione originariamente comminata dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in relazione ad una asserita violazione della normativa a tutela della concorrenza in occasione della gara comunitaria Consip Scuole indetta nel 2012.

Nel Bilancio 2015 MFM aveva, infatti, provveduto ad accantonare integralmente, l'importo della sanzione originariamente comminata dall'AGCM, pari a 48,5 milioni di euro, che successivamente su disposizione del TAR è stata ricalcolata e ridotta a 14,7 milioni di euro.

Al netto degli effetti del rilascio del suddetto importo, l'Utile Netto al 31 dicembre 2016 risulterebbe comunque in crescita e pari a 17,2 milioni di Euro a fronte di 3,1 milioni di euro dell'esercizio 2015[2] grazie, principalmente, agli effetti positivi del piano di efficentamento costi messo in atto negli ultimi anni.

Principali Risultati Consolidati al 31 dicembre 2016 del Gruppo MFM

Al 31 dicembre 2016, il Gruppo MFM ha registrato Ricavi pari a 929,1 milioni di euro, in diminuzione del 2,8% rispetto ai 955,7 milioni di euro dell'esercizio 2015, principalmente a causa delle persistenti difficoltà a livello macroeconomico e di mercato.

L'EBITDA (Margine Operativo Lordo) del Gruppo MFM è pari a 95,9 milioni di euro, in crescita rispetto ai 93,1 milioni di euro registrati nell'esercizo 2015.

L'EBIT (Risultato Operativo) del Gruppo MFM è pari a 73,3 milioni di euro, in aumento rispetto ai 9,0 milioni di euro conseguiti al 31 dicembre 2015.

L'Utile Netto del Gruppo MFM è pari a 33,5 milioni di euro, in incremento rispetto ad un risultato negativo per 45,4 milioni di euro dell'esercizio 2015. Al netto degli effetti positivi del parziale rilascio, pari a 16,3 milioni di euro, del suddetto importo accantonato nel 2015, l'Utile Netto al 31 dicembre 2016 risulterebbe pari a 17,2 milioni di euro, comunque in forte crescita rispetto ai 3,1 milioni di euro al 31 dicembre 2015, calcolati sempre al netto dell'accantonamento per la suddetta sanzione, grazie, principalmente, agli effetti positivi del piano di efficentamento costi messo in atto negli ultimi anni.

L'Indebitamento Finanziario Netto del Gruppo MFM è pari a 194 milioni di euro, in deciso miglioramento rispetto al 31 dicembre 2015 quando era pari a 242 milioni di euro grazie, principalmente, alla riduzione de tempi di pagamento da parte dei clienti.

Business highlights

Nel corso dell'esercizio 2016, il Gruppo Manutencoop Facility Management si è aggiudicato e riaggiudicato mediante nuove gare d'appalto, nuovi contratti per un importo complessivo pluriennale pari a circa 651 milioni di euro, rispetto ai 742 milioni di euro al 31 dicembre 2015.

Il portafoglio totale commesse e riaggiudicazioni del gruppo MFM al 31 dicembre 2016 è, pertanto, pari a 2.845 milioni di euro, in linea rispetto all'esercizio 2015, quando era pari a 2.847 milioni di euro.

[2] Utile netto al 31 dicembre 2015 calcolato sempre al netto dell'accantonamento integrale dell'importo della sanzione dell'AGCM originariamente comminata.

Comunicato stampa