martedì 26 Giugno 2012 Yougenio

Terremoto in Emilia, il Gruppo Manutencoop istituisce un fondo di solidarietà per aiutare i dipendenti coinvolti

Oltre 200 i lavoratori residenti nelle aree colpite. Le Società del Gruppo si impegnano a raddoppiare il valore sottoscritto dai lavoratori. Previste quote minime di sottoscrizione sulla base dell'inquadramento lavorativo.

Manutencoop ha deciso di esprimere la propria solidarietà, morale e materiale, ai colleghi che sono stati coinvolti nel terremoto che ha avuto come epicentro l’Emilia.
Fortunatamente nessuno degli oltre 200 dipendenti in forza alle Società del Gruppo ha perso la vita.
Rimane comunque il dramma di chi ha subito ingenti danni a seguito della catastrofe. Per sostenere concretamente prontamente i colleghi coinvolti e assicurare un aiuto mirato ed incisivo, è stato istituito un fondo di solidarietà organizzato e coordinato dalla holding Manutencoop Società Cooperativa per tutte le Società del Gruppo (Manutencoop Facility Management, Manutencoop Private Sector Solutions, Servizi Ospedalieri, Smail, Mia, Maco, Telepost, Gruppo Sicura, Servizi Brindisi).
Il fondo verrà gestito da una apposita commissione, di cui faranno parte anche i lavoratori dell’area colpita, che accerterà in primis le condizioni di necessità e successivamente procederà all’erogazione dei sostegni. La commissione informerà sulle azioni intraprese.
Al fondo sarà possibile contribuire con la massima libertà ma, per problemi tecnico contabili, sono state fissate cifre minime (sulla base dell'inquadramento): per gli operai la sottoscrizione minima prevista è di 10 euro, 20 euro per gli impiegati, 50 euro per i quadri e 100 euro per i dirigenti.
Le Società del Gruppo si impegnano a raddoppiare il valore sottoscritto dai lavoratori.

Una volta comunicata la disponibilità, le Aziende procederanno alla trattenuta in busta paga della quota indicata dal dipendente in un’unica soluzione. Il fondo di solidarietà rimarrà aperto fino al 30 settembre.